Attacco politico al Comitato Autonomo Abitanti Barona

0

Attacco politico al Comitato Autonomo Abitanti Barona

Condividiamo dal CPO Gramigna:
In seguito all’ennesimo attacco repressivo che ha visto coinvolti cinque compagni del Comitato Autonomo Abitanti Barona, vogliamo esprimere la nostra solidarietà.

I compagni della Barona, infatti, sono stati colpiti per aver allontanato un soggetto dannoso per lo spazio: perquisizioni, divieti di dimora e obblighi di firma sono stati i provvedimenti attuati dalla giustizia borghese.
Il successivo accanimento mediatico non si è fatto aspettare, le principali testate giornalistiche hanno pubblicato diversi articoli criminalizzatori contro di loro.

In questo specifico caso, possiamo notare come i provvedimenti siano stati la conseguenza ad un fatto pretestuoso: è indiscutibile che siamo in un contesto politico in cui la repressione avanza e colpisce chiunque si organizzi per lottare e questo è solo uno degli innumerevoli casi in cui chi si organizza e lotta, chi tutela gli spazi conquistati da speculazione, razzismo e sessismo, deve fare i conti con la macchina della repressione.
Inoltre c’è un altro fattore da tenere in considerazione: è proprio chi si organizza per il diritto alla casa che viene maggiormente colpito, esattamente come lo stesso diritto all’abitare.
Non saranno le misure repressive a chiuderci gli occhi di fronte ad una realtà ingurgitata dal capitale, non saranno le denunce a fermare le nostre lotte, siamo complici e solidali ai compagni della Barona.

Da Padova a Milano
da Piacenza a Cosenza
L’unica risposta è la RESISTENZA!

——————————————————————————————————————————

Condividiamo il comunicato ufficiale del Comitato Autonomo Abitanti Barona:
ATTACCO POLITICO AL COMITATO AUTONOMO ABITANTI BARONA

Il giorno 30 ottobre 2019 la digos della questura di milano ha eseguito 5 notifiche con annesse 5 ordinanze cautelari di allontanamento dal comune di milano, per 5 abitanti appartenenti al comitato autonomo abitanti barona, che da 5 anni lotta in quartiere e con realtà simili sul tema del problema abitativo e della speculazione che avviene sistematicamente nelle nostre città.
La digos di Milano ha ordito un attacco giuridico-politico, sulla base di un fatto avvenuto, a distanza di un anno, alla Baronata, dove per violenza di genere è stata allontanata una persona dalla comunità resistente e quindi dalle assemblee, oltre che invitata a non partecipare più alle iniziative dello spazio.
Questa persona, il giorno dopo l’assemblea che decise il suo allontanamento, tornò per pretendere di rimanere, e due compagni che in quel momento erano alla Baronata per tenere le lezioni della scuola d’italiano, si trovarono costrette ad invitarlo a ritornare in un momento assembleare data l’attività in corso.
Mentre uno dei due compagni parlava, ricevette un pugno dritto alla gola da questa persona, che gli tolse il fiato per alcuni secondi; approfittando dello spaesamento la suddetta persona afferrò una cazzuola che sferrò su un altro compagno, lasciandogli una cicatrice sul volto, ancora oggi ben visibile; alla fine, a fatica si riuscì ad allontanarla.
La persona allontanata si recò in ospedale, nonostante fosse lui l’aggressore oltre che l’illeso; lì venne raggiunta dalla polizia, che, come abbiamo visto, avrebbe preso con molto interesse la denuncia della persona, invitandola anche a recarsi in un secondo momento in questura, per integrare la denuncia precedentemente fatta che oggi ci è stata consegnata per i seguenti capi d’imputazione:

“ 110. 629 1° e 2° e, in relazione all’articolo 628 c.3 n.1, c.p.
61 n 2, 110. 582, 585 c.p.”

che in verbo corrispondono a: concorso, violenza e minacce, estorsione, rapina, danneggiamento con profitto e violenza con aggravanti.
Le modalità di perquisizione, sequestro e consegna delle notifiche sono avvenute con modalità che ricordano operazioni contro le peggiori organizzazioni criminali; infatti già dalle 7.00 del mattino digos e polizia hanno cercato di sfondare le porte dei 5 appartenenti riuscendoci solo con una, entrando da sceriffi con le pistole in mostra, sequestrando immediatamente i cellulari che i compagni stavano utilizzando per avvertire amici e compagni di quanto stava succedendo.
A questo punto sono iniziate invasive perquisizioni di tutti gli appartamenti, terminate con il sequestro di cellulari, computer, chiavette usb, materiale politico informativo, agende personali e appunti delle assemblee. Al termine gli agenti hanno consegnato dei divieti di dimora con obbligo di firma a tutti i 5 compagne/i, immediatamente esecutivi.
La questura di Milano, ricostruendo struttura e ruoli fantomatici del comitato della Barona, mette sotto indagine i compagni/e con misure cautelari che li costringono ad allontanarsi dal comune di Milano.
L’azione repressiva avvenuta quest’oggi esprime una chiara volontà di fermare chi tutti i giorni lotta per un’ alternativa dignitosa al di là della mercificazione che questa città impone come modello unico di vita, senza lasciare spazi alla solidarietà e all’organizzazione dal basso.
Episodi come questo sono purtroppo noti e sempre più frequenti:
a Padova, Piacenza, Milano, Cosenza e su tutto il territorio nazionale, avvengono tentativi di fermare le lotte colpendo le persone e dipingendole come organizzatrici di crimini.

Come Comitato Autonomo Abitanti Barona, rifiutiamo ogni singola accusa e la rispediamo al mittente: occupare case per soldi è una pratica mafiosa, che specula sui problemi delle persone, e la combattiamo ogni giorno. Lasciare case vuote e gente in strada è una strategia attuata per il lucro di palazzinari e istituzioni. La repressione non può intimidirci: a ogni attacco corrisponderà un rafforzamento!
Ci vediamo questa sera, mercoledì 30 ottobre alle 21:00, presso la Baronata, viale Faenza 12/7, per l’assemblea di coordinamento dei comitati: verranno dati ulteriori aggiornamenti. Inoltre invitiamo tutt* alla presentazione del nuovo sito antirepressivo, Amargi.blog, che avverrà domani pomeriggio, 31 ottobre, alle 17:30 allo spazio GTA, via Lelio Basso 7. Chiediamo poi una solidarietà concreta per i compagni colpiti: invitiamo chiunque possa ospitarli in un comune esterno alla provincia di milano a contattarci o a venire ad uno degli appuntamenti sopra riportati.
SE CHI LOTTA E’ UN DELINQUENTE, SIAMO TUTT* CRIMINALI!

Share.

Comments are closed.