Bloody Sunday, 1972

0

Memoria di Classe
30 gennaio 1972, Irlanda del Nord

Il Bloody Sunday o Domenica di sangue. Il I° Battaglione del Reggimento Paracadutisti dell’esercito britannico apre il fuoco contro un corteo di cattolici che manifestava per i diritti civili. In 26 vengono colpiti; tredici persone, la maggior parte delle quali giovanissime, morirono prima di essere soccorse, mentre una quattordicesima vittima perse la vita quattro mesi più tardi per le ferite riportate. Dopo quella strage, gran parte dei giovani irlandese repubblicani decisero di arruolarsi nelle fila dell’IRA (Irish Republican Army), per combattere contro lo stato colonialista britannico.

Go on home british soldiers
(Andate a casa soldati britannici)

Andate a casa soldati britannici, andate a casa.
Non avete una vostra cazzo di casa?
Per ottocento anni vi abbiamo combattuto senza paura
e noi vi combatteremo per altri ottocento ancora.

Se restate soldati britannici, se restate
voi non potrete mai battere l’IRA
I quattordici uomini a Derry sono gli ultimi che seppellirete
Quindi prendete i vostri soldi e andatevene, finché potete.

No, non siamo inglesi, non siamo sassoni, non siamo inglesi
Siamo irlandesi! e siamo orgogliosi di esserlo.
Quindi il tuo cazzo di Union Jack vogliamo vedere via dalle nostre terre
Vogliamo vedere la vecchia Irlanda libera ancora una volta.

Dunque noi stiamo combattendo soldati britannici per la causa
Non ci inchineremo mai ai soldati perché
Nel corso della nostra storia, siamo nati per essere liberi
Quindi andate via bastardi britannici, lasciateci in pace

Video Facebook

Share.

Comments are closed.