Massacro di palestinesi nel campo profughi di Sabra e Shatila, 1982

0
Memoria di Classe 
18 settembre 1982, Libano
Si contano diverse migliaia di palestinesi massacrati nel campo profughi di Sabra e Shatila.
Nella periferia di Beirut, in un’area controllata dall’esercito israeliano, dal 16 al 18 settembre ci fu un massacro ad opera delle falangi cristiane libanesi, sotto il diretto controllo dell’esercito sionista con a capo il futuro presidente della Knesset – Ariel Sharon -, mentre l’esercito israeliano bloccava le uscite dal campo per impedire fughe.
Ancora oggi, dopo più di settant’anni dall’inizio dell’occupazione israeliana, il popolo palestinese continua ad essere massacrato, per mano sionista ma con la complicità di tutti i paesi imperialisti.
Lo stesso Stato italiano continua a portare avanti accordi con l’occupante sionista, dal campo militare, alla ricerca, dalla cultura allo sport. Un esempio recente, che fa capire come i legami siano sottili e subdoli, l’abbiamo visto proprio quest’anno con il Giro d’Italia partito da Israele.
( sull’argomento vedi: http://www.tazebao.org/appello-comitato-nord-est-freniamo-le-ruote-delloccupazione/ e http://www.tazebao.org/un-ciclista-si-esprime-sul-giro-ditalia-2018/ )
Costruire la solidarietà con il popolo palestinese, quindi, passa necessariamente per la denuncia e la contestazione di tali legami.
Nonostante il popolo palestinese sia sotto attacco da decine di anni non si arrende e continua a resistere: è un esempio di forza e determinazione per tutti i popoli in lotta. Dal 30 marzo infatti, ogni venerdì scendono in migliaia, verso il confine con Gaza, per la Grande Marcia del Ritorno. Ogni settimana la repressione sionista è sempre più aggressiva ma nessuno indietreggia. Inizialmente questa protesta doveva durare fino al 15 maggio, 70° anniversario della Nakba, ma ad oggi continua ad andare avanti. Venerdì scorso, il 14 settembre, è stato il venticinquesimo venerdì di manifestazioni.
Ogni settimana le iniziative hanno uno “slogan”, l’ultimo è stato LA RESISTENZA È LA NOSTRA SCELTA.
Palestina libera!
Palestina rossa!!!
Consigliamo anche di vedere un video molto interessante prodotto da Genova city strike:
https://www.youtube.com/watch?v=SFvQotbAVx0&feature=youtu.be
Share.

Comments are closed.