Presentazione del libro “Poema Pedagogico” di Anton S. Makarenko

0

Il 28, 29 e 30 Aprile saranno tre giorni di dibattito, informazione, socialità e festa a Padova in Piazza Caduti della Resistenza (ex Piazza Toselli). L’Associazione culturale Nicola Pasian come ogni anno organizzerà una festa proprio al centro del quartiere popolare Palestro dove da anni vi sono grosse mire speculative e un progetto di gentrificazione che non sono ancora riusciti ad attuare solo grazie alla continua lotta di compagni e abitanti.

Evento Facebook con programmazione completa

SABATO 28 APRILE ore 17.30
presentazione del libro “Poema Pedagogico” di Anton S. Makarenko con Cristiano Armati della Casa Editrice RedStar Press.

Dal fronte copertina:
Nella futura Unione Sovietica, gli eventi rivoluzionari che culminarono nell’Ottobre del 1917 furono, prima di tutto, un momento di rottura radicale con l’immobilismo autocratico che aveva contrassegnato secoli di dominio zarista. Infatti, a una lunga era in cui il destino sociale degli oppressi non poteva offrire possibilità troppo diverse dal nascere servo della gleba per morire servo della gleba, fece seguito un’epoca nuova: un assetto sociale in cui i figli dei carpentieri diventavano astronauti e in cui, dalle grandi metropoli fino ai villaggi più remoti, l’istruzione sarebbe stata a portata di mano per milioni di bambini e bambine, altrimenti destinati ad un lavoro precoce e schiavile. Anche rispetto agli adulti, contadini o operai non importa, le occasioni di una formazione continua non sarebbero mancate e, il tutto, grazie al dispiegamento di un potere popolare capace di sottrarre il campo dei “diritti” al dominio della merce, luogo in cui lo Stato borghese lo aveva, di fatto, confinato. Anton S. Makarenko vive e lavora nel cuore di simili stravolgimenti. E se l’essere umano poteva dirsi frutto della società in cui era accolto, il pedagogista sovietico studia in tempo reale la necessità di fare della libertà un bene comune e della disciplina di uno strumento che, estrapolato da qualunque ordine del discorso repressivo, avrebbe potuto mettere l’individuo nelle condizioni di affrontare il processo dialettico che lega il sé all’altro in una prospettiva collettiva. E’ a partire da simili presupposti che Makarenko scrive “Poema Pedagogico”, capolavoro che, pur restando un punto fermo delle scienze dell’ educazione, si rivela presto in grado di valicare i confini specialistici per affermarsi come un classico senza tempo, un grande romanzo e una lettura obbligata per chiunque intenda interrogarsi su uno degli aspetti più importanti dell’avventura umana: essere se stessi all’interno della società”.

Siete tutti invitati a partecipare!
Sostieni i quartieri popolari e gli spazi occupati!!!

Share.

Comments are closed.