Presidio Antifascista a Padova

0

Concentramento ore 14.00 in Piazza Portello a Padova
Condividiamo l’appello della Marzolo Occupata

★ A TUTTI GLI STUDENTI E ABITANTI ANTIFASCISTI! ★

Invece che pensare al diritto allo studio, l’Esu di Padova decide di promuovere per giovedì 22 Marzo, assieme alla casa editrice Ferrogallico, un’iniziativa di chiaro orientamento fascista e revisionista nell’aula magna della residenza Ederle in via Belzoni, Portello.

Nello specifico si svolgerà la presentazione del fumetto “Foiba Rossa” sulla storia di Norma Cossetto, studentessa fascista, che nel 1943 venne gettata in una foiba dai partigiani italiani e slavi. A presentare la discussione ci sarà un’accozzaglia di personaggi che variano dal mondo delle istituzioni a quello neofascista italiano: dal direttore dell’Esu di Padova Ferrarese a Biloslavo, giornalista inviato di guerra appartenente in passato al Fronte della Gioventù, dalla Donazzan, assessore all’istruzione della regione Veneto e dichiaratamente simpatizzante di movimenti fascisti all’autore del fumetto, dal vicepresidente del consiglio della regione Veneto a Federico Goglio, cantante nazirock già imputato per apologia di fascismo.

L’intento, ancora una volta, è quello di riabilitare e legittimare pubblicamente un’ideologia criminale e i suoi attuali seguaci, concedendogli spazi fisici e di discussione, in un periodo, come quello attuale di crisi, in cui il fascismo può risultare un’arma utilizzabile da parte dei padroni contro chiunque decida di alzare la testa. Come avvenuto innumerevoli altre volte, la rivisitazione della storia risulta un metodo efficace tramite il quale screditare la Resistenza Partigiana e nascondere i crimini commessi dagli italiani fascisti nei territori dell’ex Jugoslavia. Siamo stati abituati in questa campagna elettorale alla concessione di sale istituzionali a gruppuscoli di estrema destra ma mai un’istituzione si è fatta promotrice di tale propaganda, cosa che racchiude tutta la gravità di ciò che sta accadendo.

Sapevamo che l’Esu fosse la rappresentazione perfetta della crisi e del disinteresse totale delle istituzioni del diritto allo studio ma non ci saremmo mai aspettati che riuscisse a toccare così il fondo, a maggior ragione se si pensa che l’ente vieti all’interno dei propri spazi alcun tipo di iniziativa politica promossa dagli studenti.
NOSTRO DOVERE LANCIARE DUNQUE PER GIOVEDì UNA GIORNATA DI MOBILITAZIONE APERTA A TUTTE LE ANIME ANTIFASCISTE CHE VIVONO L’UNIVERSITÀ, IL QUARTIERE PORTELLO E LA CITTÀ DI PADOVA PER CERCARE DI FERMARE L’INIZIATIVA.

Per la fede che vi illumina, per lo sdegno che vi accende, non lasciate che l’oppressore disponga della vostra vita, fate risorgere i vostri battaglioni, liberate l’Italia dalla schiavitù e dall’ignominia, aggiungete al labaro della vostra Università la gloria di una nuova più grande decorazione in questa battaglia suprema per la giustizia e per la pace nel mondo.
Concetto Marchesi, rettore Università di Padova, 1 dicembre 1943.

FUORI I FASCISTI DALL’UNIVERSITÀ!
ANTIFASCISMO È ANTICAPITALISMO!

Evento Facebook

Share.

Comments are closed.