Solidarietà al Comitato Abitanti Giambellino Lorenteggio!

0

Solidarietà al Comitato Abitanti Giambellino Lorenteggio!

Nella mattina del 13 dicembre, 190 tra carabinieri e poliziotti hanno sgomberato 9 case popolari, posto sotto sequestro la Base di Solidarietà Popolare di via Manzano 4 (sede del Comitato Abitanti Giambellino Lorenteggio) e arrestato 9 compagni a Milano, per un totale di 75 indagati. L’accusa infamante, come di prassi nell’ultimo periodo, è di “associazione a delinquere” relativa all’occupazione di case sfitte dell’Aler.
Un’operazione analoga è avvenuta anche qui, a Padova nel 2016, colpendo 11 compagni del Comitato di lotta per la casa e ponendo sotto sequestro la sede Infospazio Chinatown, politicamente attiva nel quartiere Palestro da vent’anni. Come se non bastasse, hanno poi aperto una maxi indagine a danno di 69 imputati che vuole condannare non solo chi occupa, ma anche chi sostiene i presidi antisfratto ed è solidale con la lotta per il diritto alla casa.
Di fronte ad enti regionali, come l’Aler in Lombardia e l’Ater in Veneto, che mal gestiscono migliaia di alloggi pubblici in maniera speculativa e clientelare, bloccando le assegnazioni da anni e vendendo le case all’asta, l’unica possibilità rimasta ad un proletario è quella di occupare: riappropriarsi di un diritto negato. A questa esigenza lo Stato borghese e i suoi sgherri in divisa rispondono con sgomberi, arresti e manganellate.
L’attacco di questa mattina – verificatosi anche a Cosenza – rientra in un contesto più ampio che, con il Decreto Sicurezza trasformatosi in Legge, colpisce in tutta Italia i proletari che si organizzano e lottano.
 

Rivendichiamo il diritto ad avere una casa e l’occupazione come strumento per ottenerlo.

Non sarà la repressione a fermare la lotta, la solidarietà non si processa!
Mai più case vuote, mai più famiglie senza casa!

Share.

Comments are closed.