Solidarietà con gli occupanti di Via Cardinal Capranica!

0

Solidarietà con gli occupanti di Via Cardinal Capranica!

Condividiamo dalla Marzolo Occupata – Padova:

Era previsto per ieri mattina lo sgombero dell’occupazione abitativa di via Cardinal Capranica (una scuola abbandonata che ospitava circa trecento persone), a Primavalle, periferia nord di Roma. Ancora una volta la repressione ha fatto un passo in avanti: già dalla sera prima sono arrivati i blindati, centinaia di uomini in assetto antisommossa, vigili del fuoco, l’ambulanza e un elicottero.
Occupanti e solidali sono riusciti a resistere tutta la notte, ma in tarda mattinata le forze dell’ordine hanno fatto irruzione nel cortile della scuola.

Mentre il mondo del lavoro è sotto continuo attacco -licenziamenti, precarietà e paghe da fame sono all’ordine del giorno- e sempre più famiglie si ritrovano a non poter pagare un affitto (o il mutuo), le case popolari ormai sono diventate un miraggio. Vogliono distruggere lo Stato Sociale, privatizzare e continuare a tagliare per affrontare la crisi.
Quale miglior modo se non reprimere sul nascere qualsiasi forma di organizzazione e di lotta? Con i margini di guadagno ridotti all’osso e i rapporti di forza completamente ribaltati, tutto ciò che si era riusciti a conquistare duramente con la lotta (come la stabilità e la tutela lavorativa, o il mondo del pubblico, dall’edilizia, all’istruzione fino alla sanità) ora se lo stanno riprendendo.
Purtroppo è chiara la direzione che questa società sta prendendo, e altrettanto chiaro dovrebbe essere opporsi a chi, ancora una volta, sta dalla parte di chi sfrutta e non di chi è sfruttato.

Noi lottiamo per un modo dove tutti possano avere una casa, dove tutti possano studiare e avere luoghi dove trovarsi, socializzare e potersi esprimere. Sogniamo un mondo senza classi, guerre e sfruttamento e ci batteremo per ottenerlo! È ora di dire basta!

Complici e solidali con gli occupanti di Via Cardinal Capranica e con i tre arrestati! Tutti liberi!!!

Share.

Comments are closed.